Enit e il miraggio del turismo salva Italia

novembre 30, 2013

Ho dovuto decantare a lungo prima di decidermi a condividere l’ennesima delusione per una classe politica ed amministrativa che tanto promette e nulla fa, semplicemente perché non è capace di fare.
Sono anni che sentiamo inneggiare al turismo come uno dei settori che maggiormente può contribuire alla ripresa economica dell’Italia e siamo tutti d’accordo, perché la ricchezza geografica e culturale del nostro Paese è evidente e non discutibile.
Basterebbe gestirla e valorizzarla; il mondo sarebbe già pronto a premiarci.
Eppure, anche nell’ultimo Country Brand Index 2012-2013 l’Italia continua il trend apparentemente inarrestabile di caduta, passando dal 12° al 15° posto, in una classifica guidata da Svizzera, Canada e Giappone, ovvero nazioni molto belle ma alle quali solo una cosa abbiamo da invidiare: la serietà, professionalità, etica, senso del dovere della classe politica (anche se il governo è sempre lo specchio del popolo che lo elegge).
Continua a leggere

Annunci

Il Travel che verrà – cap.2: Il turismo outgoing

giugno 1, 2013

Se il business travel dovrà affrontare un serio problema di riposizionamento competitivo delle TMC (Travel Management Comany) rispetto all’essenza dei servizi e prodotti offerti al mercato, per il segmento del turismo, sia outgoing che incoming, lo scenario di riferimento è, secondo me, abbastanza chiaro.
Vediamo quali sono le principali caratteristiche e trend del mercato turistico outgoing, fra cui è inutile elencare il problema della crisi economica, che ha solo accelerato e messo in rilievo le problematiche specifiche del settore.
• La prima problematica da elencare è necessariamente la frammentazione degli operatori turistici, tutt’oggi una delle principali caratteristiche di ogni fase del business system, al di là di tutti i tentativi, con relative roboanti dichiarazioni, di far passare per grandi imprese degli accrocchi di mini-imprese indipendenti o gruppi di acquisto ormai anacronistici. Anche i più noti brand di TO hanno quote di mercato, se calcolate sul reale valore del mercato turistico outogoing, di pochi punti percentuali.
Continua a leggere


Il Travel che verrà – cap.1: Il corporate travel

maggio 21, 2013

In una primavera così piovosa da non trovare memoria simile nei miei ricordi e che impedisce l’assaporare del primo mare ristoratore tipico del periodo, torno a prendere penna e calamaio per qualche riflessione sul nostro settore e sulle caotiche dinamiche che questa crisi senza scadenza ha messo in moto o accelerato.
Per chi gestisce un’impresa, parùn o manager nessuna differenza dovrebbe esserci, queste riflessioni e un confronto sulle stesse sono imprescindibili, perché sono le visioni del mercato che verrà a determinare strategie e investimenti di oggi.
Come sempre, alcune tendenze possono valere su tutti i settori o segmenti, ma, in genere, le caratteristiche differenzianti di ogni segmento di business all’interno del quale un’Azienda opera rendono obbligatoria un’analisi specifica di ognuno di essi, per evitare i soliti pastrocchi di cui coloro che dovrebbero rilanciare il turismo in Italia sono maestri.
Continua a leggere


Intervista ad un albergatore ligure

luglio 19, 2012

“Nun sun i cüi chi mancan, sun le palanche
Eh già….


Turismo alla resa dei conti

luglio 16, 2012

Ammettiamolo, la situazione è sempre più difficile.
L’ultima notizia è quella del brusco calo, sia di italiani che di stranieri, negli alberghi, ma è solo uno dei tanti indizi di un’economia turistica in caduta libera.
Possiamo citare il -30% del mercato outgoing, le chiusure settimanali delle agenzie di viaggi (anche storiche, ndr), le perdite dei vettori aerei, la disperazione dei tour operator; ma anche la scarsa occupazione dei ristoranti delle località turistiche (a Sarzana lavorano meno anche quelle trattorie che nel 2009 non si erano neppure accorte della crisi) e persino gli stabilimenti balneari che quest’anno non riescono a vendere tutti gli ombrelloni.
Se poi ci mettiamo, almeno dalle mie parti, che la customer care è tutt’altro che genetica, direi che non ci resta che piangere.


Tripadvisor e l’Australia

giugno 28, 2012

Mentre le nostre sagome di governanti continuano a sperperare milioni in progetti di consulenza fatti con gente che di turismo non sa nulla, l’Australia (la Nazione, non i singoli distretti), fa un accordo con Tripadvisor per la promozione e la programmazione dei viaggi nell’isoletta….
Ma se stasera battiamo la Germania siamo tutti contenti…


La chiamano Magic Italy

giugno 11, 2009

Io, a differenza di Roberta Milano, uso spesso la polemica nella speranza si possa smuovere qualcosa, soprattutto perchè faccio fatica a vedere il bicchiere mezzo pieno sul tema del turismo incoming in Italia. In questo caso, onde evitare esagerazioni alla Beppe Grillo, preferisco anch’io astenermi e lasciare la parola agli altri.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: