Alitalia e il dilemma del management

dicembre 3, 2013

Le recenti vicende di Alitalia, per nulla nuove visto quanto accaduto nel 2008, hanno scatenato un’altra feroce discussione fra gli operatori del settore travel in merito al criterio di scelta del top management della compagnia di bandiera; in particolare, la diatriba fra le due fazioni verte sul fatto che il manico, la testa della compagnia debba essere trovata o meno tra le professionalità già esperte del settore travel e trasporti.
E’ indubbio che se si guardano i risultati ottenuti dalla vergognosa operazione della bad company ad oggi, non si può che dar ragione a chi sostiene che CEO provenienti da settori molto differenti dall’aviation non sono in grado di gestire una compagnia aerea.
Continua a leggere


Il nuovo piano di sviluppo del turismo

gennaio 19, 2013

Ho avuto il “piacere” di dedicare un sabato mattina alla lettura del nuovo piano strategico per il rilancio del sistema turistico italiano, redatto a cura del team presieduto dal (ex) Ministro Gnudi.
Nulla da dire sulla “struttura” e presentazione del piano, che sicuramente beneficiano del supporto consulenziale della BCG, mentre, a mio modesto parere, la sostanza del piano ha 3 difetti fondamentali, che lo rendono parecchio insufficiente:
1. non tiene conto degli ultimi 60 anni di storia della politica italiana, proponendo quindi soluzioni inapplicabili
2. mescola, non so se scientemente o ignorantemente, obiettivi e attività istituzionali (come quelli che dovrebbe avere un piano di questo tipo), con obiettivi e attività del libero mercato, che deve essere scevro da influenze pubbliche, se non per il framework entro cui muoversi
3. limita a poche generiche indicazioni il fulcro strategico del futuro del turismo, ovvero il mondo del web e dei social network
Andiamo per ordine
Continua a leggere


Gli avanzamenti della Banca del Turismo

ottobre 20, 2010

Il 23 ottobre prossimo, in occasione della manifestazione fieristica TTG Incontri di Rimini, è prevista la conferenza stampa sulla Banca del Turismo, dove si daranno gli avanzamenti relativi all’iter costitutivo della prima banca di settore.

Un’idea progettuale nata nell’aprile 2010, che ho condiviso fin da principio e che continuo a sostenere attraverso il Comitato Promotore, di cui faccio parte. L’obiettivo è di supportare la filiera turistica in tutti i suoi processi, sia quelli legati all’operatività quotidiana (incassi e pagamenti) che quelli più attinenti alle relazioni strategiche con tutti gli stakeholders del settore.

Dunque una realtà creditizia al servizio dell’imprenditoria turistica che, in questo delicato contesto di rinnovamento, non solo deve recuperare efficienza attraverso l’ottimizzazione di procedure operative, ma deve trovare anche interlocutori capaci di supportare la realizzazione di nuove idee e progetti di rilancio di un settore fondamentale per l’economia del Paese.

Auspicando di incontrare numerosi player di mercato, ricordo che l’appuntamento è presso la Sala Acero di Rimini Fiera, dalle ore 12.00 alle ore 13.00.

Banca del Turismo: gli avanzamenti


Consulenti e viaggi d’affari: nuovi modelli di servizio.

settembre 28, 2010

La scorsa settimana, in occasione del NoFrills di Bergamo, ho fatto parte di un panel di relatori al convegno “L’agenzia di viaggi va dal cliente: i promotori e i consulenti di viaggio”. Un confronto costruttivo con altri player del mercato che offrono diverse soluzioni a chi si vuole cimentare in questa nuova e stimolante libera professione.

Stimolante lo è stata anche per i numerosi agenti di viaggio e curiosi che hanno partecipato al convegno, sicuramente tra i più frequentati durante i due giorni del No Frills: molte anche le domande, soprattutto per i vari consulenti che hanno lasciato la loro testimonianza al termine dei nostri interventi.

La presentazione aveva come obiettivo quello di descrivere il nuovo modello di business dei consulenti di viaggio che, oltre a concentrarsi sulla vendita delle vacanze di piacere, possono e devono ampliare il proprio raggio d’azione ponendosi come punto di riferimento anche per le trasferte di lavoro delle piccole e medie imprese locali.

Qui trovate le slide del mio intervento.


Riflessioni estive di un consulente di strategia.

luglio 14, 2010

Ancora una volta ospito le riflessioni di Mariano Frey, Presidente di Roland Berger & Partner in Italia, in merito alla figura del consulente in uno scenario particolarmente difficile e, soprattutto, molto differente da quello in cui nacque il mestiere tanti anni fa.

In aggiunta alle considerazioni di Frey, aggiungo solo che le dinamiche evolutive del mondo della consulenza stanno spingendo sempre più la figura del Temporary Manager, ovvero del professionista che è in grado di impegnarsi direttamente nella gestione dell’azienda o di sue divisioni di business, rassicurando l’imprenditore sulla propria affidabilità e serietà.

A volte, infatti, la professionalità dei consulenti è stata messa in dubbio da grandi studi e progetti del passato che rimanevano nei cassetti del Cliente, senza mai essere implementati.
Buona lettura.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: