Uno Stato meno ladro: paghi i suoi debiti come pretende le nostre tasse


Rimando ancora alla lettura del dettagliato articolo di Oscar Giannino e ribadisco con piccoli numeri della vita di tutti i giorni: nel 2011 la mia azienda ha pagato complessivamente, fra Ires, Irap, bolli e vari adempimenti obbligatori e inutili, oltre 600k euro di tasse, pressione fiscale complessiva superiore al 60%.
Dal 2010 vantiamo un credito verso la PPAA di 85k euro per il quale abbiamo fatto un decreto ingiuntivo che sarà ovviamente respinto, perché la magistratura è connivente con lo stato ladro. Quindi, lui non paga e va bene così (85k euro sono tre giovani in meno da assumere), se noi non paghiamo possiamo anche chiudere baracca e burattini.
Ma oggi il problema più grande è un altro: le spettacolari azioni di marketing del governo tecnico sono riuscite a creare un tale consenso tra i sudditi che non c’è più alcuna capacità di guardare la realtà dei fatti. Fino a quando finiremo come la Grecia.

Annunci

One Response to Uno Stato meno ladro: paghi i suoi debiti come pretende le nostre tasse

  1. fabrizio dall'aste ha detto:

    bravoooooooooooooooooooooo……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: