UGC


Il tema degli User Generated Content è sempre di grande attualità e argomento di continue discussioni, in particolare nel mondo dell’ospitalità che, nel settore travel, è quello che più ne soffre o ne beneficia, a seconda dei punti di vista.

Dopo la grande abbuffata iniziata e guidata da Tripadvisor, il dilemma attuale riguarda l’evoluzione degli UGC, che può andare dalla catalogazione per una serie di parametri predeterminati alla selezione dei prosumers, oppure alla scomparsa per la cannibalizzazione da parte dei social network attraverso logiche di private counselling, ovvero la richiesta strutturata di info alla propria cerchia di conoscenti (la scomparsa è forse improbabile).

Confesso che non ho una convinzione assoluta sul futuro, l’unica cosa di cui sono sicuro è la necessità di organizzare la giungla attuale, sia nei contenuti che nei relativi fornitori degli stessi.

Anche perché la scelta del commento a cui credere non è proprio facile. Per fare un esempio, mi riallaccio al post di Roberta Milano, nel quale esprime qualche perplessità in merito all’efficienza dell’alta velocità di Trenitalia. Ora, se io avessi dovuto scrivere un commento sullo stesso servizio, ne avrei intessuto le lodi, dato che sono ormai due anni che mi muovo fra Milano e Roma regolarmente con le Frecce e ho dimenticato completamente l’aereo (certo che se potessi andarci con le Frecce tricolori ci ripenserei…). Lodi basate sulla puntualità, comodità, velocità, tempo a disposizione, produttività, ecc.

Un lettore esterno farebbe quindi un po’ fatica a capire chi di noi due è matto o semplicemente sfigato/fortunato. E a poco varrebbero, in questo caso, persino le catalogazioni sui soggetti commentanti, dato che il sesso è ininfluente sui ritardi, l’età è giovane e fiorente per entrambi, il mestiere non si discosta poi più di tanto, la provenienza è la miglior regione d’Italia, ecc ecc.
L’unica variante potrebbe essere la stazione di partenza, Centrale per me, Rogoredo per Roberta.
Certamente, due commenti non fanno statistica e sui grandi numeri le eccezioni si perdono, immaginate però di andare a consultare o catalogare centinaia di commenti con altrettante eccezioni di sfigati e fortunati…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: