Talent show and decadence


Confesso che ormai la televisione è per me uno strumento di relax funzionante solo con film, documentari ed eventi sportivi, mentre perde totalmente il suo scopo con telefilm, sceneggiati, tribune politiche, talk show, modern show e similari.

Ci sono solo alcune pochissime eccezioni a questa regola, tipo alcune serie come Dr. House (abbasso l’ipocrisia!!), Lie to me (riuscissi anch’io a beccare tutti quelli che raccontano balle) e, ebbene sì, lo ammetto, Amici, non tanto perché mi rilassi ma perché svolge il compito di far stare tutta la famiglia davanti alla TV senza litigare e mi tiene aggiornato su pensieri e atteggiamenti delle nuove generazioni.
Peraltro, fra tutti gli obbrobri che ci propina il piccolo schermo, questo show quanto meno valorizza, o cerca di farlo, dei giovani talenti cui viene offerta la possibilità di dimostrare le loro capacità e la speranza di iniziare un percorso di successo.

C’è però, oltre all’eccesso di pubblicità che continua a far preferire le TV a pagamento, una cosa che veramente mi disturba di questo programma: il cattivo esempio dato dai “professori”, che saranno anche bravi nelle loro materie ma, salvo una o due eccezioni, sono estremamente maleducati e diseducativi nei confronti dei ragazzi.
Capisco l’esistenza di regole di business e che l’audience barbarica è ormai tristemente il primo obiettivo di qualsiasi trasmissione, però, sinceramente, speravo che un “talent show” potesse darsi regole di condotta più serie e civili.

Vedere i professori litigare stupidamente tra di loro, o prendere posizioni a favore o contro solo per simpatia, o avere opinioni opposte rispetto ai tecnicismi di una materia (se uno stona, stona, cosa c’è da disquisire?), o discutere in modo vergognoso senza neppure far parlare la controparte, o esasperare la competizione anche quando non ce n’è bisogno, o esternare palesemente la propria pochezza morale ed intellettiva, non credo faccia bene né alla trasmissione né agli allievi che sono lì per imparare non solo la tecnica ma anche la disciplina, il rispetto e l’educazione, che dovrebbero essere sempre la base fondamentale di qualsiasi attività, sportiva o artistica.

Se poi ti rendi conto che spesso, non sempre, gli allievi sono molto più educati e rispettosi degli insegnanti, allora ti chiedi come facciano questi ultimi a non vergognarsi e perché nessuno pensi ad un bel programma sulla cultura relazionale di queste “star”…
Ecco qua, così mi sono bruciato ogni chance di entrare nel dorato mondo dello spettacolo….

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: