[Book-Blog] Assicurazioni e dintorni – capitolo terzo


Sarei curioso di sapere qual è la % degli italiani che, almeno una volta nella vita, hanno simulato accadimenti e/o traumi, infortuni, distorsioni, ecc. per ottenere un risarcimento non dovuto, totalmente o parzialmente, dalla propria assicurazione.
Se dovessi scommettere direi non meno dell’80%. E purtroppo, seppur molti anni fa, in questa % rientra anche qualcuno molto vicino a me e molto simile a me, che quasi sembro io.

Che differenza c’è fra chiedere una tangente e chiedere un risarcimento non dovuto? Eticamente mi sentirei di dire nessuna.
E perché ci lamentiamo dei prezzi alti delle assicurazioni se contribuiamo ad aumentare i loro costi con rimborsi non dovuti?

Lasciamo stare riflessioni general-generiche e passiamo al primo di alcuni racconti assicurativi.
Incidente stradale, evidente colpa di uno dei due conducenti.

Colpevole: “Scusa, proprio non ti ho visto.”
Innocente: “In effetti… direi che non ci sono dubbi, vero?”
C: “Assolutamente. Peraltro hai solo un colpetto, quasi quasi te lo pago direttamente senza passare dall’assicurazione”.
I: “Ah…”
C: “Beh, comunque ci penso un attimo. Senti, intanto firmiamo il CID così tu stai tranquillo, poi magari se ti fai fare un preventivo mi aiuti a decidere”.
I: “….Va bene…..ma, senti, tanto mi sembri una persona per bene, facciamo così, non firmarmi neppure il CID, se sei in zona passi dal mio bar oggi pomeriggio così sistemiamo tutto”
C, perplesso: “Mah? Potevamo già sistemare quasi tutto ora, no?”
I: “Sì, ma ora scappo sono incasinato. Dai facciamo che passi da me oggi verso le 2, puoi?”
C, sempre più perplesso: “Va bene, dammi l’indirizzo, appena mangiato vengo da te”
I: “Ok, a dopo”.
Al bar, nel pomeriggio, dopo i convenevoli.
C: “Ok, allora firmiamo il tutto?”
I: “Va bene, però senti, ti faccio una proposta: potremmo far risultare l’incidente con un’altra mia macchina che ha un po’ di danni in più, inoltre potremmo mettere che guidava mia sorella che ha una spalla infortunata così arriviamo a 10-12000 euro di danni, poi ce li dividiamo. Che ne dici?”
C: “Facciamo così: ti firmo il CID per come le cose sono andate realmente, tu ti fai fare un preventivo molto onesto ed io te lo pago. Se risento una cazzata di questo tipo o vedo un preventivo disonesto ti denuncio. Che ne dici?”
I: “Sei proprio un gaggio, comunque come vuoi, firma tutto, lasciami il numero poi ci sentiamo”

Il tutto ovviamente con la sintesi necessaria per un book-blog. Il colpevole della situazione, persona che conosco molto bene, rientra in quella % di persone oneste e moralmente integerrime che ci consentono di coltivare ancora quel piccolo barlume di speranza.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: