Easy Low cost


Leggo con interesse l’articolo di Vincenzo Rutigliano sul Sole 24ore del 10 settembre, dal titolo “Il bonus pugliese convince Ryanair” e del quale riporto un piccolo stralcio: “…i dettagli dell’intesa conclusa con Aeroporti di Puglia, la società controllata dalla Regione (99,4%) che gestisce gli scali. Per 10 anni verrà riconosciuto alla compagnia low cost l’equivalente di 25 milioni tra contributi a valere sui fondi regionali, riduzione delle tariffe di handling e…..”

Tutto ciò mi lascia abbastanza indifferente come distributore di servizi di viaggio, ma non riesco a respingere tutti gli interrogativi che mi nascono in mente e che approfondirei con grande attenzione se fossi, per esempio, un manager di una Compagnia Aerea tradizionale.

Provo a buttarli lì senza ordine né costrutto:

Ma fra tutte queste agevolazioni, ci saranno anche le tasse aeroportuali? Quelle famose che ti fanno pagare 100 euro un biglietto la cui tariffa promozionale è di 5 euro? E se la risposta fosse positiva, come mai le tasse i passeggeri delle Low cost le hanno sempre pagate?

– Ma un ente pubblico come la Regione Puglia, siamo sicuri che possa fare un accordo con una singola compagnia e non debba preparare un bando di gara invitando anche le altre compagnie? (magari l’ha fatto e io non lo so, in tal caso, chiedo venia)

– Ma se una compagnia low cost prende tutte queste sovvenzioni statali, ciò significa che il viaggio di tutti i suoi passeggeri è in realtà pagato non solo dal viaggiatore ma anche da tutti noi cittadini che con le tasse sovvenzioniamo un trasporto del quale, forse, non ce ne frega nulla (o, quanto meno, potrebbero chiederci se ci interessa di più sovvenzionare un miglioramento delle infrastrutture e dei trasporti locali piuttosto che una compagnia aerea che vive sul concetto del prezzo basso grazie alle sovvenzioni statali)?

– Ma se una compagnia low cost si può permettere di far volare i suoi passeggeri a prezzi stracciati grazie anche a queste sovvenzioni (ma non solo, ricordiamoci che queste compagnie hanno una struttura organizzativa cento volte più snella ed efficiente delle compagnie tradizionali), come fanno tutti gli altri vettori aerei a proporre prezzi “low cost” senza le stesse caratteristiche? Forse che forse lo fanno senza poterlo fare dal punto di vista economico-gestionale e poi si ritrovano a licenziare 1500 persone?

– Ma siamo sicuri che questo tipo di sovvenzione sia perfettamente legale rispetto ai concetti di libero ed equilibrato mercato che governano l’UE?

Ma gli avvocati delle compagnie tradizionali, pur se impegnati pesantemente con le agenzie di viaggi, non dovrebbero trovare un po’ di tempo per capire meglio questa situazione e la sua liceità, visto che l’impatto delle low cost è molto più rilevante delle sacrosante pretese della distribuzione?

– Ma in fondo, io, perché dovrei preoccuparmi visto che la conseguenza di un’eventuale situazione border line non farebbe altro che accelerare quel processo di cambiamento del modello di business e dell’atteggiamento delle compagnie aeree tradizionali che tanto agogno?

In effetti, sai che c’è? Mettiamoci alla finestra e godiamoci lo spettacolo.

Advertisements

Una risposta a Easy Low cost

  1. Mimmo ha detto:

    Davide,
    come al solito le tue analisi sono “paurosamente” lucide e l’aspetto più preoccupante non è la conclusione “spintanea” cui porti i lettori del tuo sfogo, ma la totale assenza di reazione da parte dei professionisti del settore coinvolti in questo suicidio.
    Come ben sai io sono un fortunato spettatore di questa violenza economica che Ryan Air persegue da anni, ma prima o poi pagheremo tutti direttamente dopo aver pagato indirettamente attraverso gli enti che sovvenzionano questo vettore più di altri.
    Penso che io, te, le agenize, le aziende possiamo fare molto poco per sfuggire alla trappola e pertanto non ci resta, come dici tu, che stare a guardare lo spettacolo.
    Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: